______________________________________________

Il rapporto tra l'alfabetismo e l'analfabetismo è costante, ma al giorno d'oggi gli analfabeti sanno leggere. Eugenio Montale

maggio 22, 2009

La Sicilia (e non solo) raccontata dagli alberi.

Giuseppe Barbera, classe 1948, una lista di incarichi, universitari e paesaggistici, troppo lunga per essere riportata, autore di libri imperdibili, da La coltura del ficodindia (Calderoni Ed agricole, 1993) a Tuttifrutti (Oscar Mondatori, 2007) si presenta con un nuovo titolo, Abbracciare gli alberi (Mondatori, collana Strade Blu, pp 140, 16 euro). Parla di cose che ci toccano, del nostro convivere con gli alberi fin dai tempi antichi, dell’uso del legno, fino all’assalto del cemento dei nostri giorni, interrotto in modo disordinato e casuale da alberi dei quali quasi nessuno, salvo pochi speciliasti inascoltati, consoce la storia, il portamento, le esigenze.
Berbaer si è laureato a Palermo, conosce la Sicilia palmo a plamo, ha progettato, nel 2002, il recupero del Giardino della Kolymbetra (nella foto), cinque ettari nella Valle dei Templi di Agrigento, per il Fondo per l’ambiente italiano. Adesso ci racconta il mondo, o quasi, partendo dalla sua isola, con gli alberi da frutto, i mandorli, gli aranci perduti della Conca d’oro palermitana e
persino il suo curioso incontro con Michele Greco in un giardino di agrumi a Favarella. “Nella pace di un giardino, il capo della mafia che mi sorrideva benevolo si preparava a uccidere i miei amici: proprio quell’anno, Peppino Impastato, poi Mauro Ristagno, che aveva vissuto a Palermo in un giardino di agrumi”.
Ma ora, per non tradire neanche questa volta, di fronte a pagine così belle, la curiostià di chi vuole piantare cose serie, rubo dal libro un’indicazione, la più semplice: “Mandorli, fichi, olivi, melograni, viti e carrubi nelle terre asciutte; agrumi, peschi, nespoli, peri, meli, ciliegi dove le terre, anche in estate, sono fresche o è disponibile acqua da irrigare”.
di Rossella Sleiter
Foto degli alberi:
Castanea sativa, Castagno dei 100 cavalli, Puntalazzo, Ct
Castanea sativa, castagno.
Sant Alfio, Nucifori Taverna Cl

Quercus Suber, quercia da sughero.
Pisciotto Valle Finocchio, Niscemi Ct
Ficus magnilioides borzi, Ficus magnoloide
Piazza Marina, Palermo

Nessun commento: