______________________________________________

Il rapporto tra l'alfabetismo e l'analfabetismo è costante, ma al giorno d'oggi gli analfabeti sanno leggere. Eugenio Montale

luglio 09, 2009

La vite di Archimede.


Nelle zone dove la coltivazione dell'ulivo caratterizza i paesaggi la sansa, cioè il prodotto di scarto delle spremitura delle olive, è da qualche tempo usata come combustibile da riscaldamento in caldaie progettate per il suo utilizzo. La sansa viene ammassata in una tramoggia a piramide capovolta, che si affaccia su una coclea, conosciuta anche come vite di Archimede. Un ingegnoso sistema meccanico, collegato ad un motore, trasmette un moto oscillatorio a una piccola ruota dentata, del tutto simile a quella applicata ai pedali delle biciclette, e fa girare a piccoli scatti la coclea sempre in uno stesso verso. La particolare conformazione della ruota, impedendo alla coclea di oscillare ora in un verso ora nell'altro, fa sì che la sansa inevitabilmente proceda ad impulsi verso il braciere. L'energia del Sole che era stata intercettata dagli ulivi e utilizzata per creare legno, foglie e olive viene ora definitivamente ceduta per produrre calore; la sansa brucia e per la casa si diffonde un piacevole tepore. La materia che negli organismi biologici realizza i livelli più complessi di organizzazione si sgretola così nei suoi costituenti elementari secondo la regola che lega il divenire di ogni struttura biologica al suo periodico dissolversi; nell'ammasso di polpa di olive le molecole biologiche sono disconnesse e private di quell'organizzazione che ne garantisce la funzione.
Fissando la sansa che scorre lungo la vite di Archimede viene da paragonare quel suo lento procedere verso il braciere all'inevitabile succedersi nel tempo delle specie biologiche, sotto la spinta incalzante della selezione naturale. Ad ogni generazione una molteplicità di individui si ammassa come la sansa nella tramoggia, ciascuno veicolando un codice genetico impresso nel proprio DNA e una storia di processi epigenetici costruiti sulla perdurante interazione con l'ambiente. La grande variabilità di soggetti è continuamente alimentata dal rimescolamento genico legato principalmente alla riproduzione sessuale, a cui si aggiunge la comparsa casuale, nelle cellule germinali, di qualche mutazione in prevalenza associata alla fase di duplicazione del DNA. La maggior parte delle mutazioni non conferiscono un vantaggio agli individui e alla loro prole; la fitness ridotta che ne deriva determina la loro eliminazione ad opera della selezione naturale. Se tuttavia le alterazioni interessano qualche gene che svolge una funzione non essenziale, ridondante o superflua, allora in genere in esso si possono accumulare mutazioni senza che la selezione intervenga ad eliminarlo. Un'attenta lettura di tali geni relitti, non più funzionanti, è preziosa per ricostruire pezzi di storia naturale; in genere essi riflettono il succedersi, all'interno delle popolazioni, di nuovi stili di vita connessi per lo più a cambiamenti ambientali. In tale ambito, tra gli esempi meglio studiati vi è quello del gene sws, specifico per le opsine, molecole legate alla visione dei colori. Il celacanto, un pesce abissale che è considerato un fossile vivente, fu per molto tempo ritenuto estinto fino a quando un esemplare venne casualmente pescato nel dicembre del 1938. In tale pesce la presenza di un gene funzionante per la rodopsina consente la visione in luce tenue, il massimo di chiarore che le sue abitudini di vita gli permettono di osservare, mentre l'inutilità di percepire colori come il verde o il rosso hanno favorito l'erosione ad opera della selezione naturale del gene per le opsine. L'ambiente buio a cui i suoi progenitori si sono adattati ha reso non più vantaggiosa la visione dei colori; la selezione ha allentato la guardia e il gene sws ha cominciato ad accumulare mutazioni che stanno cancellando del tutto le sue ascendenze, rendendolo un tratto indefinito di DNA.Storie analoghe si sono ripetute in tempi relativamente più recenti ma sempre in maniera del tutto indipendente, per molti altri organismi come delfini e balene, scimmie dalle abitudini notturne, come l'Aotus e alcuni lemuri; per ciascuna di queste specie, e per altre ancora, sono oggi presenti differenti tipi di alterazione nella sequenza del DNA dei loro geni sws non attivi.Un'altra storia di geni relitti è stata descritta in un gruppo di pesci che vivono nei mari dell'Antartide, appartenenti al sottordine dei notothenioidae. Conosciuti come pesci ghiaccio, sono del tutto privi di globuli rossi, come risulta evidente dai loro corpi trasparenti. Quando con la deriva dei continenti e il lento scivolamento dell'Antartide da una zona subtropicale al Polo Sud, tali pesci si sono trovati a vivere in acque sempre più fredde dove la solubilità dell'ossigeno è più alta, per loro è risultato più vantaggioso assorbire tale sostanza direttamente attraverso i tessuti della pelle; si è così resa superflua l'emoglobina i cui geni, risultando non più essenziali alla sopravivenza e anzi comportando la loro attivazione soltanto un costo, si sono caricati di mutazioni senza che la selezione intervenisse per salvaguardare la loro integrità.Per ogni individuo, dunque le lunghe molecole di DNA, per ampi tratti privi di funzionalità, più che rappresentare un progetto di costruzione di un individuo dalla cellula uovo, processo che è soprattutto frutto di complessi meccanismi epigenetici di interazione dei prodotti dell'attività dei geni con l'ambiente circostante, sono un archivio vivente delle vicissitudini storiche dei propri antenati. Esse racchiudono il ricordo dei tentativi intrapresi da ciascun individuo di colonizzare la realtà circostante, in genere soggetta nel tempo a continue modifiche, per trarne vantaggio in termini di sopravvivenza e di possibilità riproduttive. Nei geni relitti c'è la memoria della realizzazione di organi che nel tempo sono stati cooptati a svolgere nuovi compiti, in relazione ai differenti paesaggi ambientali che si sono di volta in volta affermati.Gli individui che vivono la realtà attuale non sono meglio equipaggiati dei loro antichi progenitori, sono soltanto diversi; possono avere acquisito qualche nuovo gene a cui spesso fa da contrappeso la funzionalità persa di altri tratti di DNA. Necessariamente, la complessità non può che derivare da strutture più semplici ma questo non deve spingere a ritenere erroneamente che essa sia il fine a cui tendono i processi evolutivi. La selezione agisce solo al presente permettendo ai più adatti di sopravvivere e riprodursi. Ad ogni generazione gli individui s'ammassano e premono come la sansa che scivola lungo la tramoggia verso la vite di Archimede.In prossimità dell'Acheronte la vista di Dante è catturata dalle migliaia di genti, lasse e nude, assiepate sulle rive del grande fiume, pronte ad attraversarlo.Come d'autunno si levan le foglie / l'una appresso de l'altra, fin che ‘l ramo / vede a la terra tutte le sue spoglie, / similemente il mal seme d'Adamo / gittansi di quel lito ad una ad una, / per cenni come augel per suo richiamo. / Così sen vanno su per l'onda bruna, / e avanti che sien di là discese, / anche di qua nuova schiera s'auna. / "Figliuol mio", disse ‘l maestro cortese, / "quelli che muoion ne l'ira di Dio / tutti convegnon qui d'ogne paese; / e pronti sono a trapassar lo rio, / ché la divina giustizia li sprona, / sì che la tema si volve in disio.Il divenire, in quanto essenza di ogni essere vivente, comporta il lento succedersi delle generazioni; la selezione naturale, a sostituzione della divina giustizia, osserva chi guada il fiume prima degli altri. Indifferente al futuro, essa si limita a registrare chi si riproduce e chi svanisce; sofferenze e gioie non la scalfiscono, il caso non è pregiudizialmente respinto. Adattarsi al presente un poco più degli altri è il lasciapassare che permette a ciascuno di sopravvivere ancora, invece di perire subito; ciò non è connesso alla necessità di arricchirsi di complessità, è solo lo strumento per guadare il fiume!A differenza di una normale vite che nel suo breve avvolgimento ha già iscritto il punto finale, quando la testa fornita di taglio si incastona nel materiale impedendo una ulteriore penetrazione, la vite di Archimede può girare senza fine come i processi selettivi naturali che sospingono in avanti le generazioni dei viventi, finché il Sole bruciando fornisce l'energia necessaria al loro funzionamento. Nel loro divenire è insito il meccanismo della discendenza con modifiche che si afferma sulla base del loro grado di adattabilità; essa non è quindi una forza esterna, a differenza della divina giustizia, che sprona il processo, ma né è parte integrante. Ben colgono tale significato gli accorati versi di Leopardi:Or poserai per sempre, / Stanco mio cor. Perì l'inganno estremo, / Ch'eterno io mi credei. Perì. Ben sento, / In noi di cari inganni, / Non che la speme, il desiderio è spento. / Posa per sempre. Assai / Palpitasti. Non val cosa nessuna / I moti tuoi, né di sospiri è degna / La terra. Amaro e noia / La vita, altro mai nulla; e fango è il mondo. / T'acqueta omai. Dispera / L'ultima volta. Al gener nostro il fato / Non donò che il morire. Omai disprezza / Te, la natura, il brutto / Poter che, ascoso, a comun danno impera, / E l'infinita vanità del tutto.Ma mentre la coclea avvolge e sospinge, tornano in mente le anime di Dante che nell'accingersi ad oltrepassare l'Acheronte si sentono spronate dalla giustizia divina a tal punto da trasformare il timore in desiderio. Più che ricorrere a metafisici interventi è la selezione sessuale che per quanto ingannevole possa anch'essa apparire, inonda il mondo biologico di desideri, aspettative, sogni, ambizioni e, ancora, senso del bello, tutti aspetti che nell'uomo hanno probabilmente aperto la strada alla poesia, all'arte, al senso morale, forse ai suoi stessi linguaggi simbolici.La coclea gira e per l'area si espande una musica celestiale. Tornano in mente i versi di Orazio:Non chiedere tu mai / Quando si chiuderà la tua / vita, la mia vita, /non tentare gli oroscopi d'oriente: /male è sapere, Leuconoe. / Meglio è accettare quello che verrà, / gli altri inverni che Giove donerà / o se è l'ultimo, questo / che stanca il mare etrusco / e gli scogli di pomice leggera. / Ma sii saggia: e filtra il vino, / e recidi la speranza / lontana, perché breve è il nostro / cammino, e ora, mentre / si parla, il tempo / è già in fuga, come se ci odiasse! / Così cogli la giornata, non credere al domani.


di Antonio De Marco http://www.steppa.net/

Nessun commento: